Gnocchi Estivi di Pane Raffermo

Troppo spesso gli avanzi vengono gettati via! Troppo spesso magari decidiamo che vorremmo riutilizzarli ma…come?

Per me buttare il pane secco è un sacrilegio! Sarà che avendo in casa il pane realizzato da mia madre con lievito madre e vedendo la fatica e l’impegno che servono per realizzarlo sinceramente a buttarlo proprio non mi passa per la mente!

Questa è una perfetta ricetta per riutilizzare il pane secco, contenendo così gli sprechi e pure i costi della spesa! Volevo realizzare degli gnocchi proprio semplici, economici e con tutto il buono che l’estate ha da offrire e così nascono loro! Completamente vegani perchè non ti serviranno né uova né latticini! Leggeri perchè sono composti solo da pane e acqua, anzi brodo! Profumatissimi e pieni dei colori dell’estate perchè ci sono il basilico e i fiori di zucca! Ma non solo…vabbè facciamo che ti lascio la ricetta e basta!

 

Gnocchi Estivi di Pane Raffermo

Print Recipe
Serves: 4 Cooking Time: 1 ora

Ingredients

  • Per gli Gnocchi:
  • Pane raffermo 350 gr [per me fatto in casa con lievito madre]
  • Brodo vegetale 200 ml circa
  • Basilico 3 cime
  • Scorza di un limone
  • Sale
  • Pepe
  • potrebbe servire un cucchiaio di farina
  • Per il condimento:
  • Scorza di mezzo limone
  • Olio evo italiano 2 c.ai
  • Zucchina romanesca n. 1
  • Fiori di zucca n. 12
  • Aglio 2 spicchi
  • Semi di girasole 2 c.ai
  • Cardamomo in polvere 1 c.ino
  • Pepe
  • Sale

Instructions

1

Taglia il pane a piccoli pezzi e mettilo in una ciotola, poi aggiungi circa 150 ml di brodo caldo e impasta un po' con le mani per far assorbire il liquido al pane e poi versa il restante brodo (potrebbe anche non servirti o al contrario servirtene di più, ma puoi aggiungerlo dopo il riposo se vedi che serve, regolandoti così: tieni presente che il pane devi poterlo rompere con le mani ma non deve completamente disintegrarsi deve rimanere consistente). Lascia riposare per circa mezz’ora, ogni tanto mescola il tutto.

2

Trascorso il tempo aggiungi, al pane ammollato, la scorza grattugiata di un limone e il basilico spezzettato, un po' di pepe e sale. Metti tutto in un mixer e frulla fino ad ottenere un composto non troppo omogeneo ma appiccicoso: se rimangono dei pezzettini saranno gustosi!

3

Trasferisci in una ciotola e vedi se l'impasto è sufficientemente compatto o se serve un cucchiaio di farina. Impasta il tutto, poi preleva una piccola porzione di impasto alla volta, rotolala tra le mani compattandola bene e formando una piccola pallina di 1-2 cm di diametro. Man mano che prepari gli gnocchi disponili su un piano cosparso leggermente di farina.

4

Metti sul fuoco l'acqua per la cottura degli gnocchi, quando bollirà salala, cala gli gnocchi e dopo 3-4 minuti potrai scolarli.

5

nel frattempo prepara il condimento: in una padella antiaderente metti l'olio, la scorza di mezzo limone tagliata grande (così poi potrai toglierla), i semi di girasole, l'aglio schiacciato e metti sul fuoco per qualche minuti facendo leggermente dorare l'aglio (il fuoco deve essere dolce!). Poi aggiungi la zucchina pulita e tagliata a rondelle, i fiori di zucca puliti e lavati (io in parte li taglio in parte li tengo interi) e il cardamomo, sala leggermente unisci 2 cucchiai di acqua e fai cuocere a fuoco basso le verdure. A cottura ultimata salta gli gnocchi nel condimento e servi aggiungendo altro pepe e altra scorza grattugiata di limone se gradisci!

Notes

*mi raccomando l'acqua per gli gnocchi deve bollire gentilmente non troppo forte o rischi di romperli!

LE SCELTECONSAPEVOLI di questa ricetta:

PANE: io ti consiglio in generale d comprare sempre un buon pane preferibilmente con lievito madre e magari di semola o integrale!

OLIO: io ho usato un olio della Sabina, un olio del Lazio tra i migliori!

SALE: uso il meraviglioso sale marino integrale delle saline di Trapani! Se volete comprarlo on line io vi suggerisco quello delle Saline Culcasi, fenomenale.

ZUCCHINE, FIORI DI ZUCCA & LIMONE: se puoi scegli sempre per frutta e verdura dei prodotti biologici! O comunque di produttori locali NON TRATTATI!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *